Amare sé stessi è importante per vivere bene da soli e con gli altri, è il primo passo per costruire una vita felice, ma non è sempre così immediato. Nella vita di tutti i giorni è difficile dedicarsi del tempo per fare delle riflessioni per esercitare il self-love.
Tutti nella vita affrontiamo alti e bassi. Durante i periodi no, però, possiamo fermarci a riflettere e provare a rialzarci, senza che i pensieri negativi prendano il sopravvento.
Scrivere su un’agendina come ci si sente con costanza, aiuta a comprendere meglio i propri stati d’animo, a fare chiarezza nei pensieri e a rimetterci sulla strada dell’ottimismo.

Purtroppo a volte la sola consapevolezza di sé non è sufficiente, ed ecco che arrivano in soccorso spunti di riflessione mirati che vanno dritti al nocciolo del problema. Può darsi che, mentre riflettiamo su noi stessi capita di percepire un’illuminazione, una scintilla che ci fa realizzare quale sia quella spina così dolorosa che ci tormenta giorno e notte.

Solo io posso giudicarmi.
Io so il mio passato, io so il motivo delle mie scelte, io so quello che ho dentro. Io so quanto ho sofferto, io so quanto posso essere forte e fragile, io e nessun altro.

Oscar Wilde

Queste 15 riflessioni per esercitare il self-love le trovai molto tempo fa in un blog inglese e le tradussi per me stessa, per provare a riflettere su di me e su cosa condizionasse il mio stato d’animo. Purtroppo è passato molto tempo e non sono riuscita a reperire la fonte originale. Se la conosci saremo ben felici di citarla!

Ognuna di queste riflessioni può essere uno spunto per iniziare un percorso. Non ci saranno miracoli, ma se rifletti attentamente potrai sicuramente imparare qualcosa di te. Accompagnata all’abitudine di scrivere quotidianamente, porterà sicuramente un miglioramento nella tua vita.

Nota: quando parliamo di tenere un diario quotidiano non intendiamo scrivere quello che fai o non fai, ma di scrivere come ti senti, e cosa ti fa sentire in una determinata maniera. È una buona abitudine concentrarsi sui sentimenti positivi per abituarsi a tenerli in considerazione maggiore rispetto a quelli negativi. Potresti anche, ad esempio, tenere traccia del tuo umore con un mood tracker, da inserire magari tra le prime pagine del tuo Bullet Journal!

Qui puoi trovare il nostro post sul Self love e sette pratiche per essere felici che potrebbe aiutarti a focalizzarti sulle cose positive che la vita ci regala

Senza tergiversare oltre, prendi il tuo diario e la tua penna e iniziamo subito! Ecco per te le 15 riflessioni per esercitare il self-love, edizione tradotta:

  1. Tre cose che apprezzo di me sono…
    È importante ricordarsi sempre del valore che abbiamo, creare una solida autostima ci aiuta ad affrontare la vita con forza e vigore, a testa alta
  2. Cinque cose di cui sono grata oggi…
    Coltivare la pratica della gratitudine è uno dei modi più efficaci per imparare a focalizzare la nostra attenzione sugli eventi positivi della vita. Spesso infatti tendiamo a perderli di vista, lasciando troppo spazio alla negatività e a pensieri disfattisti
  3. Sono bramosa…
    Ci sono momenti in cui ci focalizziamo solo su ciò che non vogliamo: non vogliamo lavorare, non vogliamo dare quell’esame, non vogliamo uscire con un vecchio amico… Tutto ci appare grigio, e vivere la giornata diventa pesante e faticoso e talvolta completamente inconcludente. In questi momenti è importante distogliere l’attenzione da questi pensieri e agire: dedica il tuo tempo a ciò che davvero desideri fare e stacca l’attenzione dai doveri quotidiani, te lo meriti!
  4. Mi sento me stessa quando…
    Spesso ci sembra di percepire che l’apparenza conta più di ciò che abbiamo dentro. Tra quella foto di instragram con pochi like e una scarsa autostima, cerchiamo di emulare dei modelli che non ci rappresentano, solo per amalgamarci con il resto del mondo. Seguire le mode non è da condannare, ma fingersi una persona diversa da ciò che si è non è mai la soluzione. Volersi bene è anche ricordarsi di essere se stessi, e non costringersi in canoni che non ci appartengono, sia di bellezza che comportamentali.
  5. Ho bisogno di più…
    Quando tutto ci sembra grigio e la vita di tutti i giorni ci fa sentire frustrati e nervosi, è necessario fermarsi e riflettere su noi stessi. Chiediti: “di cosa ho bisogno?” Provare a risponde a questa domanda ti darà la direzione da intraprendere e riuscirai a concentrarti su ciò che vuoi dalla vita per essere più felice.
  6. Qualcosa che voglio fare ma che non sono sicura di poter fare…
    A volte ci imponiamo restrizioni che ci impediscono di realizzare ciò che veramente desideriamo. Creiamo problemi che non esistono solo per paura di affrontare nuove sfide. Uscire dalla proprio comfort zone non è per niente facile, ma talvolta è necessario per evolvere e maturare. Scrivendo delle tue paure e delle tue ansie sarà più facile analizzarle e liberarsene, perché credimi, i limiti sono solo nella tua testa
  7. Tre cose che il mio “io migliore” farebbe che adesso non faccio…
    Perdendoci nei meandri dell’autocommiserazione ci scordiamo che possiamo sempre essere una versione migliore di noi. Chiediti “come vorrei essere?”, “chi vorrei essere?”. Osserva questo “te stesso migliore” a cui aspiri con spirito critico e prendi esempio da lui. Con impegno e forza d’animo potresti superare anche le tue aspettative!
  8. Tre cose che ho fatto oggi e che mi hanno avvicinato ai miei sogni…
    Gli errori pesano sul nostro petto molto più dei successi e questo equivale a legarsi un macigno a una caviglia e buttarsi in mare. Con costanza e buona volontà si può imparare a guardare con orgoglio tutti i traguardi che raggiungiamo quotidianamente, anche i più piccoli, e ci permetteranno di essere orgogliosi di noi
  9. Sono orgogliosa di me stessa quando…
    Questo piccolo spunto ci aiuta a indirizzarci verso azioni che ci fanno stare bene con noi stessi, così da creare delle routine giornaliere che ci aiuteranno ad apprezzarci di più e a riconoscere i nostri talenti
  10. Mi sento uno schifo con me stessa quando…
    Non tutto è rose e fiori, lo sappiamo, ci sono cose spiacevoli che non ci fanno stare bene e che a volte potremmo semplicemente allontanare senza troppo sforzo, basta capire quali sono
  11. Il tipo di persona che non sono è…
    A volte ci ritroviamo incastrati nell’immagine che i nostri amici e conoscenti hanno di noi. Tendiamo a comportarci in modi che non ci appartengono magari per non deludere le aspettative altrui, ma chi siamo veramente? Se rispondere a questa domanda è troppo difficile per adesso, prova a chiederti: “chi non voglio essere?”.
  12. Se mangio quando non sono affamata è perché…
    Quando siamo emotivamente turbati è facile riversare la propria frustrazione sul cibo. Lo stress, la delusione, la tristezza ci fanno aprire il frigorifero in cerca di una soddisfazione (e di cibo spazzatura). Individuare questi stati d’animo e le loro cause può alleviare la sensazione di malessere e aiutarci a trovare un modo di combatterle. Se invece la frustrazione è troppa, chiedere aiuto e rivolgersi a uno specialista potrebbe rappresentare il punto di svolta per risolvere i problemi che ci affliggono
  13. Sto rimandando…
    Quante volte ci siamo detti “lo farò più tardi”, “ora non è il momento” rimandando all’infinito una decisione o una azione senza alcun motivo. Chiediti, in fondo, h che stai aspettando veramente per fare ciò che vuoi fare?
  14. Mi piacerebbe avere un po’ di supporto con…
    A volte ci ostiniamo a portare avanti un lavoro da soli, ma è necessario rendersi conto che il supporto di qualcuno può essere la chiave che ci aprirà la strada che credevamo interrotta.
  15. Sento…
    Scrivere cosa si sente, cosa si prova è sempre positivo per liberare la mente, per calmare le tempeste interiori e imparare a conoscere i nostri stati d’animo

Queste riflessioni per esercitare il self-love non sono da fare una volta e da dimenticare, ma da tenere a portata di mano e riproporcele ogni volta che ci sentiamo delusi, confusi, abbattuti… insomma, ogni giornata no è una buona occasione per riscoprire qualcosa di positivo su di noi. Certo, non è necessario ripercorrere ogni volta tutti e 15 i punti se non lo volete, basteranno quelli che vi aiutano maggiormente, che centrano il problema che sentite di avere in quel preciso momento.

Queste erano le 15 riflessioni per esercitare il self-love, le conoscevi già o le hai provate per la prima volta? Facci sapere con un commento come è andata la tua scoperta personale.

Immagine decorativa con scritta Self-love per l'articolo riflessioni per esercitare il self-love


Visto e considerato che di articoli sul self-love in italiano se ne trovano davvero pochi, avevamo pensato di tradurre i più interessanti dall’inglese (citando la fonte in futuro), e arricchirli di considerazioni ed esperienze personali. Se avete articoli che vorreste veder tradotti, o che vorreste consigliarci contattateci tramite uno dei nostri link social, saremmo davvero felicissime di potervi aiutare ad amarvi un po’ di più!

Questo articolo ti è piaciuto?

Premi una stellina per votare!

5 / 5. Totale voti: 4

Se questo articolo ti è piaciuto...

Seguici sui social!

1 Commento on Riflessioni per esercitare il self-love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.