Un vero amante dei libri non può non avere un Reader Journal. Ne esistono di preimpostati, ed esistono i classici notebook bianchi in cui ci possiamo sbizzarrire a crearne uno tutto personalizzato. Il mio prende spunto dal Bullet Journal, riadattandolo alle esigenze delle mie letture e a quello che sul momento mi va di scrivere.

Cos’è il Reader Journal

Il Reader Journal non è altro che un metodo per tenere traccia dei libri che leggo, di quelli che mi sono piaciuti e di quelli che ho abbandonato, delle citazioni più belle o delle emozioni che mi suscita l’ultima pagina quando la chiudo.

Ci inserisco tracker, obiettivi, challenge, GDL… insomma è un vero BuJo, ma declinato ai libri.

Se sei curioso di vedere come ho impostato il Bullet Journal per il 2021 clicca qui per l’articolo.

Premettendo che il mio Reader Journal è estremamente minimal, ecco qui qualche idea e consiglio su come impostarlo.

Libri letti

Dato che volevo tener traccia di tutti i libri che ho letto fin’ora (anche se so che qualcosa ho dimenticato), ho iniziato il mio Reader Journal con uno spazio dedicato ad un lungo, lunghissimo elenco dei libri che ho letto prima di iniziare la mia agendina (parliamo del lontano 2017).

Ho semplicemente messo l’autore e il titolo del libro, e accanto a quei titoli che hanno lasciato il segno ho aggiunto una stellina gialla. Ecco fatto!

Libri da leggere

Avevo iniziato anche la lista dei Libri da Leggere con tanta buona fede. Esattamente come prima, avevo scritto solo autore e titolo. Purtroppo la lista cresceva esponenzialmente, quindi ho deciso di affidare il gravoso compito di tener traccia di tutti quei libri che ho e devo leggere a Goodreads. Grazie Goodreads.

Tracker

Una pagina al giorno

Come ogni buon lettore maniacale mi piace tener traccia del tempo, o meglio delle pagine, che leggo quotidianamente. Non perché sia un lavoro o un impegno da monitorare, ma perché mi aiuta a capire cosa fa oscillare così tanto le mie letture. Ad esempio quest’anno, a causa del COVID, le mie letture sono molto rallentate nonostante avessi molto più tempo libero. La mancanza di concentrazione in periodi stressanti mi impedisce di godermi un bel libro, così il tracker mi aiuta a vedere il problema senza incaponirmi a leggere qualcosa che mi stressa ancora di più. La soluzione migliore per me è sempre dedicarsi ad altre attività, magari più manuali e che tengano non solo la mente, ma anche il corpo impegnati.

Serie di libri iniziate (e da portare a termine)

Un altro tracker che mi piace tenere sott’occhio è quello delle serie iniziate.
Ogni volta che inizio una nuova saga ne scrivo tutti i titoli che la compongono, così da spuntarli ogni volta che ne finisco uno.

Al momento ne ho 4 in corso:

  • La saga di The Witcher, di cui mi manca l’ultimo libro e il prequel.
  • L’attraversaspecchi, di cui il primo è stato il regalo di Natale.
  • Guida galattica per autostoppisti, anche qui ho letto il primo volume tanti anni fa, prima di comprarmi l’edizione Oscar Draghi e ripromettermi di leggerli tutti.
  • Nevernight, dopo aver letto la trilogia di Illuminae non potevo lasciarmi perdere anche questo gioiellino.

GDL

Una pagina che ho aggiunto da pochissimo è quella dei Gruppi Di Lettura. Al momento ho partecipato solo a un paio di GDL, ma li trovo molto stimolanti, sia perché ho conosciuto libri nuovi, sia perché il confronto con gli altri porta sempre ad approfondire o a vedere aspetti della storia da una prospettiva diversa.

Challenge

Anche le piccole sfide servono a espandere gli orizzonti, in questo caso librosi. Le Challenge possono essere di ogni tipo, possono avere una scadenza, possono essere ispirate dalle iniziative della tua libreria di fiducia, da internet, o semplicemente dalla tua fantasia. Qui di seguito te ne propongo un paio.

A to Z

Una delle più famose è la A to Z, ovvero leggere un libro il cui titolo inizi con ogni lettera dell’alfabeto. Se ti sembra sciocco ti sfido a trovare un libro che inizi con la J o la W (se li trovi, per favore, lasciami un commento così li leggo anche io).

Un libro per ogni Paese

Questa è la mia preferita. Mi sono prefissata di leggere un autore per ogni Paese del mondo. In questo modo vorrei non solo conoscere più libri che sono poco popolari, ma conoscere la cultura che c’è dietro ogni Paese. Basta guardare alla nostra piccola Europa per cogliere immense differenze (la letteratura russa e quella francese ad esempio), quindi perché non scoprire una perla iraniana, canadese, etiope o peruviana?

Quali challenge conosci? Quali vorresti provare a completare?

Libri da leggere assolutamente quest’anno

Visto che sono un’accumulatrice seriale, quest’anno ho deciso di impostare questa pagina per smaltire vecchi acquisti che sono rimasti ad aspettare a lungo. A inizio anno ho scelto 4 titoli da leggere assolutamente, ma ad ogni mese vorrei aggiungerne almeno uno o due per incitarmi a smaltirli. Ovviamente il numero di libri da aggiungere lo stabilirò andando avanti e vedendo come procede, ma sono fiduciosa perché ho già letto due dei quattro libri che avevo scelto.

Trovate la foto nel precedente paragrafo dedicato ai Tracker.

Libri abbandonati -e perché-

Tendenzialmente non sono una che abbandona un libro iniziato, cerco di finirlo anche se non mi fa impazzire. Ci sono casi, però, in cui la lettura proprio non scorre e allora ho dedicato questa pagina ai poveri esclusi.
Uno di questi (non odiarmi per ciò che sto per dire) è Cent’anni di solitudine. Ci ho provato in ogni modo possibile, ma mi sono piantata e il libro non l’ho mai finito. Questa pagina, oltre a tener traccia di questi poveri libri, mi aiuta a capire perché, a definire i miei gusti. Grazie a Marquez ho capito che le saghe familiari non fanno per me.

Musica da ascoltare mentre leggo

Una pagina dedicata al relax, che può essere più o meno artistica. Volendo puoi stampare le cover degli album o delle playlist che più ti piace ascoltare, che ti rilassano o che aumentano la tua concentrazione durante la lettura. In questo modo potrai segnarti i brani più belli e a cui tornare quando non sai cosa ascoltare, oltre che spingerti a conoscere playlist sempre nuove per poter ampliare le tue conoscenze.

Nuove uscite per il 2021

Una pagina che ho visto fare a molti, ma che personalmente non ho ancora mai sperimentato, è il calendario delle nuove uscite. Si tratta quasi di un Future Log, ma al posto degli eventi importanti, per ogni mese si appuntano tutte le nuove pubblicazioni di ogni casa editrice. Questo lavoro richiede un po’ di informazione e ricerca, ovviamente, ma se sei un appassionato di novità, o c’è un qualche autore che segui con passione potrebbe essere una buona idea.

Scheda libro

Ultimo ma non ultimo, la Scheda libro. Un Reader Journal non può vivere senza una paginetta dedicata al libro che hai appena finito di leggere.

Questo spazio è completamente personale, puoi scriverci tutto quello che vuoi. La data di inizio e fine lettura, il numero di pagine del libro, la prima pubblicazioni, curiosità che trovi sull’autore, le citazioni che durante la lettura ti colpiscono di più… e chi più ne ha più ne metta. Personalmente mi piace arricchire queste pagine di colore e riverso qui le impressioni che ho a caldo appena finita di leggere l’ultima pagina, per poi riprenderle con più calma quando scrivo la recensione.

Questo è, in sintesi, il Reader Journal, spero che l’articolo ti sia piaciuto.
Ne hai uno anche tu? Preferisci progettarlo da solo o prenderne uno già preimpostato? Faccelo sapere in un commento!

La Guida ha già soppiantato la grande Enciclopedia galattica, come l’indiscussa depositaria di tutta la conoscenza e la saggezza, per due importanti ragioni. Primo, costa un po’ meno; secondo, reca la scritta, DON’T PANIC, niente panico, in grandi e rassicuranti caratteri sulla copertina.

Reader Journal cover

Questo articolo ti è piaciuto?

Premi una stellina per votare!

4 / 5. Totale voti: 1

Se questo articolo ti è piaciuto...

Seguici sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.